Loading

Nel punto più a sud del ramo ovest del Lago di Lugano sorge Porto Ceresio. Con il suo ampio lungolago che si snoda tra le ville antiche, le acque scure e i monti in lontananza, è sicuramente la migliore passeggiata della zona.

Per chi arriva in auto o in moto sicuramente non ci saranno problemi di parcheggio, dal momento che sono presenti diversi spazi per la sosta (es. parcheggio della stazione GPS: 45.902896, 8.90139).


View larger map

Appena si giunge nei pressi della riva del lago, dando un’occhiata tutto attorno, non si può non notare l’edificio della chiesa, che spicca in posizione dominante nella zona centrale del paese.Passeggiata di Porto Ceresio al tramonto Rispetto a quest’ultima, dalla parte opposta della strada e diversi metri più in basso, c’è una piazzetta lastricata dalla quale si accede al viale del lungolago. In questo punto la riva lastricata non è protetta dalla solita ringhiera, ma solo da qualche paracarro di pietra. Dando le spalle alle case del paese, uno sguardo panoramico dona un notevole senso di spazio e di libertà, soprattutto quando il lago è completamente piatto e non è disturbato dalle onde del vento o dei motoscafi. Ad amplificare questa sensazione sono alcuni gradini che scendono lungo la riva, scomparendo sotto la superficie scura dell’acqua.

Da questa piazzetta, proseguendo verso sinistra, si può raggiungere il molo d’imbarco per il traghetto, mentre incamminandosi verso destra si costeggia il paese di Porto Ceresio, ed è questa la direzione che prenderemo noi. Dopo poche decine di metri il viale si trasforma in un ponte pavimentato in legno che è stato costruito per unire i due tratti di lungolago e che passa proprio di fronte ad alcune ville antiche che si affacciavano direttamente sul lago. In un punto verso la metà questa passerella si allarga creando uno spazio abbastanza ampio nel quale si trovano diverse panchine.

Il viale del lungolago prosegue Lungolago di Porto Ceresio al tramontoattraversando una piazzetta pedonale con alcuni alberi ed una fontana, per poi tornare ad allontanarsi dalla strada, passando ancora dinnanzi ad alcune ville che, con le loro decorazioni di marmo segnate dal tempo ed i vetri sottili e ondulati delle finestre, ricordano con una vena di tristezza i tempi passati.

La passeggiata di snoda ancora per qualche centinaio di metri seguendo la riva. In questa zona il lungolago si allarga in alcune spiaggette di ciottoli e sabbia ombreggiate dai salici piangenti, che offriranno sicuramente uno spazio di divertimento ai più piccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Top